I dati più interessanti (e buffi) delle elezioni europee

1 mese fa
3 minuti di lettura
Salis Vannacci Quad

Si è tenuta a Binario F, lo spazio romano di Meta dedicato alla formazione digitale, una serata organizzata da Youtrend per analizzare i risultati delle Europee. Con l’occasione, i quattro soci Matteo Cavallaro, Giovanni Diamanti, Davide Policastro, Lorenzo Pregliasco hanno presentato il nuovo logo e “pensionato” Quorum, che da oggi diventa “Youtrend Strategies”.

Pregliasco ha presentato una prima parte di dati, a partire dall’affluenza, un tema “di cui tutti si occupano fino alle 22.59 della notte elettorale e poi si dimenticano fino al voto successivo”. In effetti quel 49,7%, record negativo, è ancora peggiore se si prendono i comuni che votavano solo per le europee, dove si è fermata al 42,4%. Questa è la vera affluenza. Quella totale è condizionata dal “doping” delle comunali e regionali, tanto che dove si votava sia per le amministrative che per Strasburgo, la partecipazione ha superato il 63%.

Youtrend Eu 2024 6

Un elemento che fa riflettere è la percentuale di italiani, in assoluto, che ha votato per i partiti. Tra gli aventi diritto al voto, il 13,5% ha messo nell’urna una scheda per Fratelli d’Italia, l’11,3% per il Pd, il 4,7% per i 5 Stelle, il 4,5% per Forza Italia e così via. Considerando che con schede nulle e bianche l’astensione è al 53%, si tratta di dividere a metà (e poi togliere un altro pezzetto) il risultato finale.

Youtrend Eu 2024 11

Il record di votanti l’ha avuto Firenze, che eleggeva anche il nuovo sindaco (65,1%) mentre dall’altra parte dello spettro c’è Nuoro (29,8%). Difficile biasimare gli elettori sardi, tra i meno attivi: nella circoscrizione “Italia insulare” sono favoriti i candidati legati alla Sicilia – che ha 5 milioni di abitanti contro gli 1,6 mln della Sardegna – e non è un caso che proprio in Sardegna due candidature come Salis e Vannacci abbiano fatto il pieno di preferenze (relativamente a quelle totali espresse): non avendo candidati forti locali dai tempi di Renato Soru – che nel 2009 andò molto bene – si sono buttati sui nomi di richiamo a livello nazionale. L’attivista ha dominato a Cagliari, il generale a Oristano.

Youtrend Eu 2024 5

Parlando di geografia, è davvero notevole registrare che il Pd non ha più il suo fortino nelle “zone rosse” tra Emilia Toscana e Umbria, bensì in Puglia: il risultato di Antonio Decaro, 500mila preferenze nella sola circoscrizione sud, non ha precedenti dal 1994 a oggi. Nel 2019, a Bari, fu il Movimento 5 stelle il partito più votato. Stavolta i dem portano a casa percentuali da urlo in tutta la regione, a parte nella zona di Foggia, terra natale di Giuseppe Conte. Interessante segnalare anche che la provincia in cui la Lega ottiene il risultato migliore è Isernia, in Molise. Grazie al successo di Aldo Patriciello, ex Forza Italia, il Carroccio vede percentuali che un tempo registrava solo nel Lombardo-Veneto. Dove oggi Fratelli d’Italia porta a casa il triplo dei voti. La seconda provincia più “verde” è Catanzaro, tanto che lo stesso Salvini nel day-after ha ribadito di guidare “un partito a vocazione nazionale”.

Youtrend Eu 2024 14
Youtrend Eu 2024 13

Il M5s in queste elezioni ha sofferto per tre motivi legati al suo essere più forte al Sud (è la prima lista nelle province di Napoli, Foggia, Crotone e Cosenza): perché nel Mezzogiorno l’astensione è più alta, perché il ricorso alle preferenze è molto più alto – doppio – rispetto al Centro-Nord, e perché l’elettore grillino tende a non assegnare preferenze. Non avendo candidati abbastanza forti e riconoscibili al di fuori di Pasquale Tridico, a causa del vincolo dei due mandati, il movimento fondato da Grillo ha subito un triplo svantaggio.

Youtrend Eu 2024 7
Youtrend Eu 2024 9

Tra gli studenti fuori sede trionfa AVS (40,4%), seguita dal Pd e da Azione. Peccato si tratti solo di poche migliaia di votanti su una platea potenziale molto più ampia: chissà se al prossimo giro il governo ripeterà l’esperimento. Verdi e Sinistra è ai primissimi posti anche tra gli under 30 (16%), poi “precipita” al 5% in tutte le altre fasce d’età. Il Pd ha il suo risultato migliore tra gli over-70 (28%), proprio come Fratelli d’Italia (29%), che però, a parte i giovani, è forte anche negli altri segmenti.

Youtrend Eu 2024 3

Altri dati sparsi: Forza Italia ha ancora uno zoccolo duro siciliano; Azione di Calenda ha superato lo sbarramento nel Nord-Est e in Lucania (effetto Pittella) ma non a Roma, dove il candidato sindaco Calenda aveva preso quasi il 20% a fine 2021; Stati Uniti d’Europa, che ha mancato la soglia per poco, probabilmente per la scelta di non candidare Renzi e Bonino anche nella Circoscrizione Nord-Est, va bene in Toscana, Campania e Calabria; Giorgia Meloni ha fatto benissimo a personalizzare la sua campagna mettendo il suo nome in cima alle liste: al Sud ha preso una valanga di preferenze, e non è detto che Fratelli d’Italia le avrebbe ottenute senza il nome della sua leader; il recordman di preferenze è Cateno De Luca, almeno relativamente al risultato della sua lista-mischione “Libertà”.

Youtrend Eu 2024 12

Infine le grandi città, raccontate da Giovanni Diamanti nella seconda parte: Youtrend ha creato un grafico in stile “Forza 4” con i partiti più votati nelle prime 10 città d’Italia dalla prima elezione europea (1979) a oggi. C’è la DC, il PCI, e poi Forza Italia, il Pds, Alleanza Nazionale ecc. La Lega, che nel 2019 ottenne il 34%, non vinse in nessuna grande città, mentre stavolta FdI, con una percentuale totale più bassa (28,8%) conquista Roma e Catania. Palermo resta grillina, le altre sono tutte del Pd (come molte, un tempo, erano del Pci).

Youtrend Eu 2024 8