I 10 punti salienti della legislatura 2019-2024 del Parlamento Ue

Quali impatti ha avuto il Parlamento europeo sulla vita dei cittadini negli ultimi cinque anni
4 settimane fa
11 minuti di lettura
Bandiera Europa Canva

Durante la legislatura 2019-2024, il Parlamento Europeo ha intrapreso numerose iniziative significative che hanno avuto un impatto sulla vita dei cittadini. Dalla ripresa economica post-pandemia al sostegno all’Ucraina, dalla lotta al cambiamento climatico alla regolamentazione dell’economia digitale. Con le elezioni europee alle porte, previste dal 6 al 9 giugno, è il momento perfetto per fare un bilancio.

Recupero economico

I deputati del Parlamento Europeo hanno approvato le norme che istituiscono il Recovery and Resilience Facility, il piano di recupero da 750 miliardi di euro per il Covid-19. Questo strumento offre un sostegno su larga scala ai paesi dell’UE per investimenti e riforme essenziali per mitigare le conseguenze economiche e sociali della pandemia e preparare le economie dell’UE a un futuro digitale e sostenibile.

I fondi vanno utilizzati in linea con le priorità dell’UE. Le sei aree di intervento sono:

  • transizione verde
  • trasformazione digitale
  • crescita intelligente, sostenibile e inclusiva
  • coesione sociale e territoriale
  • resilienza e preparazione alle crisi
  • politiche per la prossima generazione, inclusa l’istruzione e le competenze

Almeno il 37% del budget è destinato a misure per il clima e la biodiversità, e un ulteriore 20% a iniziative digitali. Le norme vietano il finanziamento di progetti che causano danni significativi all’ambiente.

Supporto per l’Ucraina

Il Parlamento Europeo si è impegnato fin dall’inizio a sostenere l’Ucraina dopo l’invasione russa, imponendo sanzioni ai responsabili e fornendo aiuti finanziari e materiali. Nel 2022, il Parlamento ha approvato diversi prestiti all’Ucraina e ha adottato misure per sostenere i paesi che accolgono rifugiati ucraini. In ottobre, gli eurodeputati hanno chiesto un significativo aumento dell’assistenza militare all’Ucraina.

Nel 2023, il Parlamento ha sollecitato la NATO a invitare l’Ucraina ad unirsi all’alleanza, accelerando la produzione di munizioni e proponendo un tribunale speciale per punire i crimini russi. Nel febbraio 2024, i deputati hanno negoziato una revisione del bilancio a lungo termine dell’UE per garantire maggiori finanziamenti, introducendo lo strumento per l’Ucraina che comprende 50 miliardi di euro in prestiti (33 miliardi di euro) e sovvenzioni (17 miliardi di euro) fino alla fine del 2027. Questi fondi mirano a supportare l’economia ucraina, facilitare la sua transizione verde e promuovere riforme strutturali.

Parallelamente, per aiutare i milioni di ucraini in fuga, l’UE ha attivato per la prima volta la direttiva sulla protezione temporanea, offrendo protezione immediata ai rifugiati ucraini e sostenendo i paesi che li accolgono con proposte concrete approvate dal Parlamento.

Cambiamenti climatici

Il cambiamento climatico rappresenta una delle sfide più urgenti e complesse del nostro tempo, influenzando ogni aspetto della vita umana e dell’ecosistema globale. L’Unione Europea ha intrapreso azioni decisive per affrontare questa crisi, adottando il Green Deal europeo e stabilendo ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Il Parlamento Europeo ha sancito la legge sul clima dell’UE il 24 giugno 2021, rendendo giuridicamente vincolante l’obiettivo di ridurre le emissioni del 55% entro il 2030 e di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Questa legislazione non solo avvicina l’UE al suo obiettivo post-2050 di emissioni negative, ma conferma anche la sua leadership nella lotta globale contro il cambiamento climatico.

Il Green Deal europeo prevede un approccio integrato e multisettoriale per realizzare la transizione verso un’economia sostenibile. Tra i benefici attesi vi sono una migliore qualità dell’aria, dell’acqua e del suolo, una riduzione delle bollette energetiche, case ristrutturate, trasporti pubblici migliorati e più stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Questo approccio mira anche a ridurre i rifiuti, promuovere alimenti più sani e migliorare la salute pubblica, creando un ambiente più sostenibile per le generazioni future.

Le imprese europee trarranno vantaggio dall’adozione di standard globali in settori chiave, con la creazione di nuove opportunità lavorative, specialmente nelle energie rinnovabili, nella costruzione di edifici efficienti dal punto di vista energetico e nei processi industriali sostenibili. Nell’ambito del pacchetto di riforme e regolamenti dell’UE denominato Fit for 55 con l’obiettivo di accelerare il processo di decarbonizzazione, il Consiglio europeo ha approvato una serie di norme comuni sul mercato interno in tema di fonti energetiche green, con specifico riferimento a gas rinnovabili a basse emissioni di carbonio e idrogeno.

La revisione del sistema di scambio delle quote di emissione dell’UE, l’inclusione di settori come l’edilizia e il trasporto su strada, e l’eliminazione graduale delle indennità gratuite per l’aviazione entro il 2026 sono solo alcune delle misure adottate per ridurre le emissioni. Inoltre, il Parlamento Europeo ha approvato una serie di norme per promuovere carburanti sostenibili per l’aviazione, aumentare la rimozione del carbonio attraverso l’uso del suolo e le foreste, e garantire che nuove auto e furgoni producano zero emissioni di CO2 entro il 2035.

L’UE sta anche lavorando per realizzare un’economia circolare entro il 2050, con un piano d’azione che copre settori come l’elettronica, le batterie, gli imballaggi, i tessuti e la costruzione. Promuovere la riutilizzabilità e la riparazione dei prodotti è parte integrante di questa strategia.

Infine, il Parlamento Europeo ha adottato misure per proteggere la biodiversità e contrastare la deforestazione, riconoscendo il ruolo cruciale delle foreste nell’assorbimento del carbonio e nell’attenuazione del cambiamento climatico. La strategia dell’UE sulla biodiversità per il 2030 mira a proteggere la natura e invertire il degrado degli ecosistemi, garantendo che i prodotti venduti sul mercato europeo rispettino standard elevati in materia di diritti umani e diritti delle popolazioni indigene.

Auto più sostenibili

Il Parlamento ha approvato una normativa che stabilisce che, a partire dal 2035, tutte le autovetture e i furgoni nuovi venduti nell’UE dovranno produrre zero emissioni di CO2. Questa decisione si inserisce nell’ambito del pacchetto Fit for 55, mirato a ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, e ha l’obiettivo di rendere il settore del trasporto stradale neutrale dal punto di vista climatico.

Il settore dei trasporti rappresenta infatti una sfida significativa per l’UE, essendo l’unico comparto in cui le emissioni di gas serra sono aumentate di oltre il 25% rispetto al 1990. Ad oggi, il trasporto è responsabile di circa un quinto delle emissioni totali dell’UE, con il trasporto su strada che incide per il 72% delle emissioni totali di gas serra del settore, sia a livello domestico che internazionale.

Con un contributo di circa il 15% delle emissioni totali di CO2 dell’UE, le autovetture e i furgoni leggeri rappresentano una parte significativa delle emissioni del trasporto su strada. Pertanto, l’inasprimento degli standard di emissione per questi veicoli è essenziale per raggiungere gli obiettivi climatici dell’UE per il 2030.

Migrazione

Nel 2024, il Parlamento Europeo ha adottato una significativa riforma della politica europea in materia di migrazione e asilo. Le nuove norme prevedono che tutti i paesi dell’UE debbano collaborare quando si verifica un afflusso improvviso o consistente di migranti. Gli Stati membri possono contribuire trasferendo i richiedenti asilo o i beneficiari di protezione internazionale nel loro territorio, effettuando contributi finanziari o fornendo supporto operativo e tecnico.

Questa riforma mira a rafforzare i principi di solidarietà e responsabilità tra i paesi dell’UE. Per sostenere i paesi soggetti a forte pressione migratoria, gli altri Stati membri contribuiranno rilocando i richiedenti asilo o beneficiari di protezione internazionale, fornendo contributi finanziari o offrendo supporto operativo e tecnico. Inoltre, i criteri secondo cui uno Stato membro è responsabile dell’esame delle domande di protezione internazionale (le cosiddette regole di Dublino) verranno aggiornati.

Un meccanismo specifico per affrontare le situazioni di crisi è stato stabilito per rispondere a incrementi improvvisi di arrivi, garantendo solidarietà e supporto agli Stati membri che affrontano un afflusso eccezionale di cittadini di paesi terzi. Questo regolamento coprirà anche l’uso strumentale dei migranti da parte di paesi terzi o attori non statali ostili con l’obiettivo di destabilizzare l’UE.

È stata inoltre introdotta una procedura di screening pre-ingresso per le persone che non soddisfano le condizioni per entrare nell’UE, che include identificazione, raccolta di dati biometrici e controlli sanitari e di sicurezza, durante un periodo di fino a sette giorni. Gli Stati membri dovranno stabilire meccanismi di monitoraggio indipendenti per garantire il rispetto dei diritti fondamentali.

Procedure di asilo più rapide saranno implementate per garantire una gestione uniforme delle richieste di protezione internazionale in tutta l’UE, con tempi più brevi per le richieste infondate o inammissibili. Inoltre, il sistema Eurodac sarà riformato per immagazzinare i dati biometrici di coloro che arrivano irregolarmente nell’UE e per registrare eventuali minacce alla sicurezza. Gli standard uniformi per il riconoscimento dello status di rifugiato o protezione sussidiaria saranno applicati in tutti gli Stati membri, che dovranno valutare la situazione nel paese d’origine basandosi sulle informazioni dell’Agenzia dell’UE per l’Asilo e rivedere regolarmente lo status di rifugiato. Gli Stati membri dovranno anche garantire standard di accoglienza equivalenti per i richiedenti asilo, inclusi alloggio, istruzione e assistenza sanitaria, e permettere ai richiedenti di iniziare a lavorare entro sei mesi dalla presentazione della domanda.

Infine, un nuovo quadro per il reinsediamento e l’ammissione umanitaria permetterà agli Stati membri, su base volontaria, di ospitare rifugiati riconosciuti dall’UNHCR provenienti da paesi terzi, che arriveranno in territorio UE in modo legale, organizzato e sicuro.

Economia digitale

I deputati hanno adottato norme digitali fondamentali per creare un ambiente online più sicuro, equo e trasparente, con l’introduzione del Digital Markets Act e del Digital Services Act. Il Digital Markets Act mira a garantire condizioni di parità per tutte le aziende digitali, indipendentemente dalle loro dimensioni, attraverso regole chiare che impediscono alle grandi piattaforme di imporre condizioni ingiuste alle imprese e ai consumatori. Ciò include il divieto di privilegiare i servizi o i prodotti offerti dalla piattaforma stessa rispetto a quelli di terze parti e la promozione dell’interoperabilità tra le piattaforme di messaggistica. Queste regole favoriranno l’innovazione e la competitività, consentendo alle aziende più piccole di competere con i grandi player del settore.

Il Digital Services Act, invece, fornirà agli utenti maggiore controllo su ciò che vedono online, consentendo loro di scegliere un’opzione che non includa il tracciamento degli interessi. Vietando la pubblicità mirata ai minori e limitando l’uso di dati sensibili, come orientamento sessuale, religione o etnia, il DSA proteggerà gli utenti da contenuti dannosi e illegali. Migliorerà notevolmente la rimozione dei contenuti illegali e affronterà anche la disinformazione politica o sanitaria. Inoltre, il DSA garantirà che i prodotti venduti online siano sicuri e rispettino gli standard più elevati dell’UE, fornendo agli utenti informazioni dettagliate sui venditori.

Intelligenza artificiale

Il Parlamento ha approvato una legge sull’intelligenza artificiale che garantisce la sicurezza e la conformità degli strumenti di AI ai diritti fondamentali, favorendo allo stesso tempo l’innovazione nel settore. Questo regolamento stabilisce gli obblighi per l’AI in base ai suoi rischi potenziali e all’impatto.

Come parte della sua strategia digitale, l’UE intende regolamentare l’intelligenza artificiale per garantire migliori condizioni per lo sviluppo e l’uso di questa tecnologia innovativa. L’IA può creare numerosi benefici, come una migliore assistenza sanitaria, trasporti più sicuri e puliti, produzione più efficiente ed energia più economica e sostenibile.

La priorità del Parlamento è garantire che i sistemi di AI utilizzati nell’UE siano sicuri, trasparenti, tracciabili, non discriminatori e rispettosi dell’ambiente. Il Parlamento vuole anche stabilire una definizione tecnologicamente neutra e uniforme per l’IA che potrebbe essere applicata ai futuri sistemi.

Le nuove norme stabiliscono obblighi per fornitori e utenti a seconda del livello di rischio rappresentato dall’intelligenza artificiale. Mentre molti sistemi di AI comportano un rischio minimo, devono essere valutati. I sistemi di AI che rappresentano un rischio inaccettabile saranno vietati e includono manipolazioni comportamentali cognitive delle persone o di specifici gruppi vulnerabili, punteggi sociali, identificazione e categorizzazione biometrica delle persone e sistemi di identificazione biometrica in tempo reale e remoto.

I sistemi di AI ad alto rischio, che possono avere un impatto negativo sulla sicurezza o sui diritti fondamentali, saranno suddivisi in due categorie e dovranno essere valutati prima di essere messi sul mercato e durante tutto il loro ciclo di vita. La trasparenza è un requisito anche per gli algoritmi generativi, come ChatGPT, che non rientrano nella categoria ad alto rischio ma devono rispettare le norme sulla trasparenza e sul diritto d’autore dell’UE.

La legge mira anche ad offrire opportunità alle startup e alle piccole e medie imprese di sviluppare e formare modelli di IA prima della loro release al pubblico, richiedendo alle autorità nazionali di fornire alle aziende un ambiente di test che simuli le condizioni del mondo reale.

Caricatore unico

Il Parlamento ha recentemente adottato una serie di misure volte a ridurre i rifiuti e a promuovere un modello di economia circolare, in cui le materie prime e i prodotti vengono riutilizzati e riciclati. Una delle iniziative più significative è la creazione di un caricatore USB di tipo C come standard comune per i piccoli dispositivi elettronici entro la fine del 2024. Questo passo non solo semplifica la vita dei consumatori, ma contribuisce anche a ridurre i costi associati alla gestione dei dispositivi elettronici.

L’uso di diversi caricabatterie per dispositivi diversi rappresenta non solo un disagio per i consumatori, ma produce anche tonnellate di rifiuti elettronici superflui. Per aiutare a raggiungere gli obiettivi ambientali e abbattere i costi, l’UE intende introdurre un unico caricatore comune per tutti i dispositivi.

La legislazione coprirà una vasta gamma di dispositivi, tra cui telefoni cellulari, tablet, fotocamere digitali, cuffie, console per videogiochi portatili, altoparlanti portatili, lettori di e-book, tastiere, mouse, auricolari e dispositivi di navigazione portatili. I laptop dovranno essere adeguati ai requisiti 40 mesi dopo l’entrata in vigore della legge.

Per mantenere il passo con le nuove tecnologie, la Commissione potrà adattare il campo di applicazione della direttiva, specialmente per quanto riguarda le soluzioni di ricarica wireless. Ai consumatori verrà offerta la possibilità di acquistare un nuovo dispositivo sia con che senza caricabatterie.

La legge prevede anche una revisione regolare dell’applicazione delle norme alle nuove tecnologie di ricarica. Questo significa che l’UE monitorerà costantemente l’evoluzione del settore per garantire che le normative rimangano aggiornate e in linea con le ultime innovazioni.

Diritto alla riparazione

Il Parlamento ha adottato nuove norme dell’UE sul diritto di riparazione, un passo significativo verso un consumo più sostenibile e l’obiettivo di raggiungere un’economia circolare entro il 2050, come parte del Green Deal europeo.

L’adozione della direttiva sul diritto di riparazione, avvenuta nell’aprile 2024, mira a facilitare la riparazione dei beni difettosi, riducendo gli sprechi e sostenendo il settore della riparazione. Questo rappresenta un importante traguardo nel percorso del Parlamento verso l’empowerment dei consumatori nella lotta contro il cambiamento climatico.

Questa direttiva sul diritto di riparazione si inserisce in un contesto più ampio di nuove regole dell’UE sull’ecodesign, segnando un cambiamento verso un approccio più orientato al consumatore e rispettoso dell’ambiente. Una piattaforma online europea sarà creata per aiutare i consumatori a trovare riparatori locali nella loro zona, mentre saranno offerti incentivi per incoraggiare le riparazioni anziché la sostituzione dei prodotti.

Parità salariale

Le società dell’UE sono ora soggette a nuove disposizioni legislative volte a favorire una maggiore trasparenza salariale e a ridurre le disparità retributive di genere. Queste norme, adottate dal Parlamento con un ampio sostegno, richiedono alle aziende di divulgare informazioni dettagliate per consentire ai lavoratori di confrontare gli stipendi e di esporre le eventuali differenze di retribuzione tra uomini e donne.

Secondo le regole europee, le strutture salariali dovranno basarsi su criteri neutrali dal punto di vista di genere e includere sistemi di valutazione delle mansioni che non discriminino sulla base del genere. Inoltre, i bandi di concorso e i titoli di lavoro dovranno essere redatti in modo neutro dal punto di vista di genere, e i processi di assunzione dovranno essere condotti in modo non discriminatorio.

Qualora la relazione sulla retribuzione evidenzi una differenza di retribuzione di genere di almeno il 5%, i datori di lavoro saranno tenuti a effettuare una valutazione congiunta delle retribuzioni in collaborazione con i rappresentanti dei lavoratori. Gli Stati membri dovranno anche prevedere sanzioni efficaci per le aziende che violano tali regole, come multe dissuasive. Inoltre, per la prima volta, le nuove norme includono la discriminazione intersezionale e riconoscono i diritti delle persone non binarie.

Le disposizioni vietano inoltre il segreto retributivo e garantiscono ai lavoratori e ai loro rappresentanti il diritto di ricevere informazioni chiare e complete sui livelli retributivi individuali e medi, suddivisi per genere. In caso di presunta discriminazione salariale, il peso della prova passerà dal lavoratore al datore di lavoro.

Sfide, successi e prospettive future

I 10 punti salienti di questa legislatura riflettono la vastità e la complessità delle azioni intraprese dal Parlamento. Dall’approvazione del Recovery and Resilience Facility per sostenere la ripresa economica post-pandemia, al sostegno all’Ucraina in seguito all’invasione russa e alla lotta contro il cambiamento climatico attraverso l’adozione del Green Deal europeo, le azioni del Parlamento hanno abbracciato una vasta gamma di sfide e opportunità.

In vista delle prossime elezioni europee, previste per giugno, è fondamentale che i cittadini mantengano viva la loro partecipazione attiva nel plasmare il futuro dell’Unione Europea attraverso il loro voto informato e consapevole.